Ancora su Pompei

In attesa che vengano chiarite le specifiche responsabilità del crollo della Casa dei Gladiatori, vale la pena di riflettere su quanto è stato fatto negli ultimi anni a Pompei: la prima impressione è che molte delle operazioni siano state di facciata, con uno spreco notevole di denaro pubblico e non sempre nel rispetto del sito e della sua natura.

Il Teatro Grande prima del restauro

Parlo per esempio del restauro del Teatro Grande, difeso ancora fino a ieri dal prof. Andrea Carandini e che ha invece sollevato critiche e proteste da parte di storici dell’arte ma anche dei semplici visitatori. La legge italiana prevede che il restauro debba avere fini conservativi, il che vuol dire che non si deve cercare di riportare il monumento in questione al suo aspetto al momento della costruzione, ma semplicemente fermare il processo di decadimento della struttura.  Al contrario nel Teatro Grande di Pompei, perchè si potesse adibirlo a spettacoli aperti ad un numeroso pubblico pagante, si è preferito ricostruire le gradinate con modernissimi mattoni in tufo. Le antiche strutture sono state attraversate da cavi elettrici, gli ambienti che un tempo servivano come deposito di reperti sono stati trasformati in servizi igienici per gli spettatori, reti metalliche e colate di cemento si sono impossessate del monumento antico, lo hanno imbrigliato per sempre. E a  parte il fatto che l’acustica del teatro sembra sia stata compromessa proprio dai lavori di restauro, il colpo d’occhio è terribile, giudicate voi.

Il Teatro Grande di Pompei dopo il restauro

Informazioni su Archeologia in rovina

Ieri facevo l'archeologa, oggi faccio un altro mestiere e sono mamma di un bambino che voglio educare al rispetto della natura e all'amore per la storia. Vedo l'Italia diventandare sempre più brutta, sciatta, volgare. Prima uscivo di casa e andavo su tutte le furie, ma la cosa finiva lì. Adesso ho deciso di farmi sentire.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Ancora su Pompei

  1. Pingback: Anfiteatro di Cagliari, una vergogna per tutti | Archeologia in rovina Blog

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...