Calabria, una sola idea: tagliare l’erba

 

8367_150_banner-reggio

Ah, le lodevoli iniziative della Soprintendenza archeologica della Calabria…Quale fantasia per la gestione dei tanti siti e musei archeologici della splendida regione. Come non apprezzare infatti, la mostra “Lungo la trama del discorso” che dal 18 maggio alla fine di luglio espone a Borgia, nel Museo Archeologico Nazionale di Scolacium, abiti e stoffe realizzati dall’artista prof.ssa A. Fidone, per “creare una simbiosi tra lo stile artistico dell’ordito ed il gusto estetico delle testimonianze antiche“. Chi è la Professoressa detta anche artista A. Fidone? mah…mistero.

E che dire della mostra fotografica ICHOS di Enza Polito nel Complesso Museale Casino Macrì presso il Parco archeologico di Locri Epizefiri? “La mostra è incentrata su alcuni scatti fotografici di opere antiche, quasi sempre immagini di divinità esposte nei Musei o nei siti archeologici italiani realizzati dalla fotografa Enza Polito.  Il gioco delle luci e delle ombre, esaltato dalla fotografia in bianco e nero impastata di forti contrasti, determina una qualità scultorea dell’opera che si sovrappone alla mano dell’artista primigenio, così come alla mano invisibile del tempo“.

Il 18 maggio invece ci siamo persi l’evento dell’anno, presso il Museo Archeologico Nazionale della Sibaritide di Cassano all’Ionio: una “Performance interattiva con il pubblico, a cura della poetessa Anna Lauria e del fotografo Luca Policastri. “Nel Museo è stato  previsto uno spazio in cui la poetessa ha letto i suoi versi dedicati alla storia di Sibari, mentre i visitatori sono stati immortalati singolarmente, colti nel momento contemplativo dal fotografo. Un solo scatto, per ognuno. Alla fine sono state proiettate tutte le foto. Contaminazione di poesia, fotografia, oralità, suggestioni“. Magnifico, mi piacerebbe vedere le foto dei visitatori e le loro espressioni estasiate.

Mentre questa inventiva inarrestabile produce eventini ed eventuzzi di serie C, i siti archeologici che potrebbero costituire sicuramente una attrattiva turistica nella regione sono abbandonati, ridotti allo stato di discariche. Alla Soprintendenza non servono 99 idee, che siano per il Museo di Reggio o per qualunque altro luogo, ne basta una: stare meno in ufficio a farsi venire colpi di genio, e controllare davvero il territorio che si dovrebbe tutelare, almeno tagliare l’erba, dai.  Giacobbo, pensaci tu.

Informazioni su Archeologia in rovina

Ieri facevo l'archeologa, oggi faccio un altro mestiere e sono mamma di un bambino che voglio educare al rispetto della natura e all'amore per la storia. Vedo l'Italia diventandare sempre più brutta, sciatta, volgare. Prima uscivo di casa e andavo su tutte le furie, ma la cosa finiva lì. Adesso ho deciso di farmi sentire.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...