Inviolata, si fa per dire

Aprire discariche all’interno  dei parchi e delle aree archeologiche sembra un piacere tutto italiano.  Insieme alla Campania anche il Lazio fa la sua parte, visto che il Parco dell’Inviolata  (Guidonia)  è sempre di più rosicchiato e contaminato dai rifiuti.

Triade Capitolina dall'Inviolata

Per chi non lo ricordasse, da lì proviene la Triade Capitolina, un prezioso gruppo scultoreo trafugato dai tombaroli e  ora esposto a Palestrina. Legambiente Lazio insieme a varie associazioni ha presentato pochi giorni fa un nuovo ricorso al TAR per ottenere l’annullamento dell’autorizzazione alla realizzazione nella discarica di “un impianto di trattamento meccanico-biologico di rifiuti urbani non pericolosi”.  La discarica dell’Inviolata è nata fuorilegge nel 1986, poi è divenuta temporanea ed è stata ampliata più e volte a discapito della salute di chi vi abita vicino. Adesso è una montagna di rifiuti alta 147 metri sul livello del mare. L’attuale ricorso, sottolinea Legambiente, si lega al precedente che riteneva illegittimo aprire un impianto di trattamento rifiuti e relativa discarica all’interno di un Parco Archeologico. E dire che questo è un fatto che doveva essere dato per assodato. Nel 1996 il Ministero per i Beni Culturali e Ambientali istituendo il Parco la legge regionale aveva disposto la chiusura della discarica e la bonifica del territorio. Nel 2005 invece, sono bastate due righe nella Finanziaria per sostituire l’originaria cartografia del Parco tagliandone il perimetro per lasciare fuori la discarica. Quindi fino al 2005 la discarica era dentro il Parco archeologico, poi da un momento all’altro la realtà è stata cancellata.

Informazioni su Archeologia in rovina

Ieri facevo l'archeologa, oggi faccio un altro mestiere e sono mamma di un bambino che voglio educare al rispetto della natura e all'amore per la storia. Vedo l'Italia diventandare sempre più brutta, sciatta, volgare. Prima uscivo di casa e andavo su tutte le furie, ma la cosa finiva lì. Adesso ho deciso di farmi sentire.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...